Conti pubblici, gli effetti della cura Tremonti

Cerchiamo di metterci d’accordo. Se i conti pubblici peggiorano, e anche molto, il motivo è la crisi. Ad esempio l’aumento della cassa integrazione, i nuovi (comunque troppo piccoli) sostegni ai precari che perdono il lavoro, la social card, misure di stimolo ai consumi, eccetera. A questi si aggiungono il calo delle entrate fiscali, che si appaleserà chiaramente tra qualche mese, dovuto al calo della produzione e, in generale, dell’attività economica. Se i motivi sono questi attaccare il governo sullo sbandamento evidente della finanza pubblica, è un’arma spuntata perché o si riducono gli strumenti di protezione sociale (e allora sarebbe criticabile per questo) oppure si istaura uno stato poliziesco che scovi anche l’ultima ricevuta non battuta dai negozi del Paese. Certo: la guerra all’evasione si fa a partire dai grandi patrimoni, ma basta leggere quanto lo Stato incassa da ogni procedimento per nutrire una certa sfiducia su questo strumento. Comunque: ecco qualche numero. La Gran Bretagna avrà, nel 2010, un rapporto deficit-Pil del 10,4%, la Germania del 6%. Veniamo a noi: l’Fmi prevede un 5,9% nel 2010 per l’Italia dove il deficit-Pil era al 6,3% nel primo semestre e nei primi nove mesi del 2009 è sceso al 5,2%. A me non sembrano sumeri così pessimi. La cura Tremonti ha funzionato.

Fonte immagine: http://www.fiscoetributi.com/wp-content/uploads/2009/05/esenzione-irpef.jpg

Annunci

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: