Ma la Fiat li ha i soldi?

Vorrei capire meglio cosa intende Sergio Marchionne quando dice che il progetto Fabbrica Italia “non partirà se non ci sarà l’impegno formale delle organizzazioni sindacali ad assumersi precise responsabilità per la riuscita del progetto”. Le garanzie, infatti ci sono già tutte e sono scritte nell’accordo del 2009 che la Fiat ha firmato con Cisl e Uil (fiom astenuta), cioè quell’accordo che ha “sostituito” il contratto dell’anno prima (Fiom fiormataria) da parte della Federmeccanica. Dovrebbe essere più chiaro Marchionne riguardo a queste “garanzie” alle quali subordina la decisione di investire 20 miliardi di euro in tre anni per raddoppiare la produzione italiana. Secondo i sindacati l’azienda vorrebbe estendere a tutti i suoi stabilimenti le stesse condizioni di Pomigliano, una minestra indigesta per Fim e Uilm oltre che per l’Ugl, praticamente immangiabile per la Fiom. Se si tratta di questo ho l’impressione che l’azienda stia cercando la rottura. Non nel senso che faccia male: la contrattazione di secondo livello è, secondo il mio parere, assai più importante di quella di primo livello, che dovrebbe essere la più generale possibile e fissare solo alcuni paletti. Però, almeno per ora, Fiat non ha parlato nè di estendere l’accordo di Pomigliano nè di contrattare l’aumento della produttività fabbrica per fabbrica.

Ma, soprattutto, se l’accordo del 2009 non contiene le necessarie garanzie mi chiedo come mai la Fiat lo abbia firmato. Era solo un anno fa, non 10 anni fa, la situazione del mercato dell’auto, che Marchionne prevede si riprenda l’anno prossimo, era già ben conosciuta e perfettamente (alemno così dicevano) sotto controllo. Mi chiedo che cosa sia cambiato nel frattempo. E la dichiarazione del leader dei metalmeccanici della Uilm, Rocco Palombella, non è rassicurante: “Non siamo soddisfatti perché la Fiat non ha presentato il programma di investimenti come avevamo richiesto”.

A questo punto è legittimo farsi venire un sospetto: non è che per caso la Fiat non ha i soldi?

P.S. L’unico aspetto positivo dell’intera vicenda è che i politici se ne disinteressano completamente.

Vedi anche qui e qui e qui

Annunci

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: