Non è che però se Lele Mora suona al mio campanello…

Ferrara ha ragione. Chi abbassa la soglia etica non può fare i sermoni contro la lussuria del Capo. Perché quella è il prodotto della loro cultura. Sacrosanto. Sottoscrivo.

Ma siccome io non sono uno di quelli che fa la morale agli altri e tenta di mantenere ad un livello poco poco accettabile l’asticella della propria etica (parola orribile che non significa nulla), mi permetto di far rilevare un piccolo particolare. A qualcuno sembrerà irrilevante, ma invece a me sembra che meriti. Il dettaglio è Ruby. Voglio dire: d’accordo, sono affari privati. Ok, le feste bunga bunga sono avvenuti in una casa, mica in piazza. Ok, i magistrati stanno perseguitando il Caimano da 17 anni e stavolta l’hanno davvero fatta fuori dal vaso intercettando per quasi un anno chi entrava e usciva da una residenza privatissima. E fin da gennaio scorso. Tutto vero. Però c’è il particolare di Ruby del quale non abbiamo parlato. Chi glielo va a dire a una ragazza di 18 anni che siccome ha partecipato a feste in una casa privata (e che come tali non sono penalmente rilevanti) la sua vita non sarà devastata per sempre dall’idea criminale che basta essere carine q.b. per ottenere soldi? D’accordo: magari, come si dice, Ruby era devastata anche prima. Può essere, ma non più pare un buon motivo per non darle una mano e tirarla fuori dalla cloaca nella quale era (stata?) immersa. Semmai un motivo in più.

D’altra parte non si può nemmeno sostenere che siccome non c’è nulla di penalmente rilevante (frase che si accompagna sovente all’invito a “non essere moralisti”) in delle feste che si sono svolte in una discoteca privata, esse sono perfino auspicabili. Cioè: siccome le feste sono legittime, Lele Mora potrebbe con tranquillità suonare al campanello di casa e dirmi: “Buona sera, scusi, può dire a sua figlia che la aspetto qui di sotto insieme a Marsiol a Maristella e alla brasiliana che non parla italiano che così andiamo a fare una festa in una villa qui vicino? Ah, approposito, se non la vede tornare stasera, non si preoccupi, vuol dire che rimane a dormire lì. E non faccia il moralista, che è tutto penalmente irrilevante”. Sarà tutto perfettamente legittimo, ma non è che se Lele Mora mi suona al campanello io gli mando giù mia figlia.

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: