E finalmente Alesina ha capito la crisi

Non ne ho scritto prima perché credevo fosse un refuso. Ma siccome stamattina Giavazzi gli dà ragione, anzi, lo cita, significa che qualcosa ssta cambiando davvero. Sul Corriere della Sera dell’8 agosto Alberto Alesina ha scritto che “La vera crisi fiscale è lo tsunami causato dall’invecchiamento della popolazione”.

Stamattina il suo collega Francesco Giavazzi lo cita, ma solo nella parte in cui Alesina denunciava la mancanza di leadership politica (e vabbè), poi aggiunge che le Banche Centrali “non possono risolvere né i problemi della crescita né quelli dell’invecchiamento”. Guarda caso sono le stesse tesi che da anni, decenni, sostiene Ettore Gotti Tedeschi, e molti dopo di lui. Solo che Gotti è cattolico. Non sarebbe un problema se non fosse anche praticante. Quindi, da cattolico praticante, quindi oscurantista e baciapile, non può dire una semplice verità che Giovanni Sartori ancora si ostina a non comprendere (lo ha attaccato duramente sulle pagine dello stesso giornale che oggi pubblica Alesina e Giavazzi). Benvenuti ad Alesina e Giavazzi nell’inner circle di chi guarda la luna e non il dito. Mi domandavo solo una cosa: Ma Alesina è omonimo di quell’Alesina che ha scritto il libro “L’Italia fatta in casa”? Il più ideologico dei libri dopo il libretto rosso di Mao. Si, dovrebbe essere lui: è lui che in quel libro che diceva che il Pil italiano non cresce perché le donne stanno in casa invece di andare a lavorare e con ciò forniscono alla famiglia quei servizi che all’estero vengono comprati sul mercato sottrraendo preziosissmi punti di crescita economica al Paese? Sì, sì, dovrebbe essere lui. E’ anche quello che ha scritto che in quel libro che “la denatalità non è un problema”? Sì, sì, è proprio lui. Per chi volesse, è a pagina 78.

P.S. Aveva proprio ragione Hannah Arendt: “L’offuscamento della linea di demarcazione che separa la verità di fatto dall’opinione appartiene alle numerose forme che può assumere la menzogna”.

Annunci

Tag: , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: