“Mani Bucate”: ecco quanto gli imprenditori incassano ogni anno

Ieri sera da Alessandro Banfi, a “La versione di Banfi”, mi ha fatto in diretta una domanda a bruciapelo: “Di quanti soldi stiamo parlando?” Mi ha colpito perchè lo stesso identico titolo, parola per parola, del paragrafo che ho scritto proprio per rispondere a questa domanda. Allora: quanti sono i soldi che dalle casse dello Stato, ogni anno, vanno a finire nei portafogli degli imprenditori privati? Dubbio più che legittimo, visto che si parla di soldi che vengono dalle tasse degli italiani, il problema è che nessuno lo sa. Ho passato due anni su carte, scartoffie e studi provenienti dalle fonti più diverse per cercare di capire quanto sono mantenuti gli imprenditori italiani e la conclusione è che lo Stato non lo sa. Non lo sa perchè i modi per finanziare le industri sono tantissimi (sgravi, fondo perduto, incentivi) perchè le fonti di questi sussidi sono tantissimi (Stato, Ue, regioni, ministeri vari) e perchè i meccanismi di erogazione sono talmente complicati che perfino la Corte dei Conti, in un recente studio, ha rinunciato a capire. La Corte parla di una “congerie di dati”. E ho detto tutto.

Però stime se ne possono fare. Secondo l’economista Mario Baldassarri, ogni anno dalle casse dello Stato escono ogni anno 25 miliardi di euro che finiscono nelle tasche delle imprese. A questi, però, occorre aggiungere una marea di soldi che non sono contabilizzati nelle finanze pubbliche, tra i quali i 6 miliardi (ho detto: 6 miliardi) che solo nel 2011 finiranno alle aziende elettriche che producono energia verde. Questi 6 miliardi non sono contabilizzati perchè vengono prelevati non dalle casse dello Stato, ma dalle bollette degli italiani. Lo ridico più chiaramente: quest’anno tutti gli italiani pagheranno alle aziende elettriche 6 miliardi di euro pagandoli direttamente attraverso le bollette che arrivano a casa. E poi li chiamiamo “imprenditori”…

Annunci

Tag: , , , ,

2 Risposte to ““Mani Bucate”: ecco quanto gli imprenditori incassano ogni anno”

  1. Daniele Garavaglia Says:

    Magari sarebbe il caso di distinguere tra imprenditori e imprenditori, tra quelli che maneggiano i grandi business dei servizi e delle utilities e quelli piccoli e medi che fanno ancora, nonostante tutto, i manifatturieri puri. Un imprenditore lodigiano della meccanica mi raccontava che su 80.000 euro richiesti allo Stato ed effettivamente stanziati per un finanziamento sull’innovazione ne ha potuti alla fine utilizzare 27.000. Gli altri si sono persi in mille rivoli burocratici, amministrativi, consulenziali….

  2. marcocobianchi Says:

    Vero, nei prossimi giorni scriverò un post sul bando 388: migliaia di imprese della moda (da D&G a Furla) hanno chiesto soldi per fare il sito internet. Migliaia di imprese richiedenti non hanno ancora visto un soldo (dal 2001). E’ tutto fermo alla Procura della Repubblica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: