“MANI BUCATE” Sconti fiscali anche per “This must be the place” di Paolo Sorrentino

“This must be the place” dev’essere un gran bel film. Bel cast, bella storia, un Sean Penn strepitoso e un gran regista italiano, Paolo Sorrentino. Un altro che farà strada in America, solo che la farà con i soldi degli italiani. “This must be the place” è stato infatti finanziato da una società privata, una banca, che ha usufruito di una delle leggi più amate dal mondo dello spettacolo sussidiato italiano, quella comunemente nota come “tax shelter” e “tax credit” che è stata inserita nella Finanziaria 2008 ed è costata alle casse pubbliche 104 milioni di euro.

Il meccanismo del “tax shelter” permette di detassare gli utili di un film reinvestiti nel mondo del cinema, il “tax credit” consiste invece in un credito d’imposta che puo` essere utilizzato anche per compensare eventuali debiti fiscali e prevede una detassazione media fino al 15 per cento. Il “tax credit” vale anche per chi non ha nulla a che vedere con il mondo del cinema ma lo vuole finanziare. Ed è esattamente questo il nostro caso: Banca Intesa ha trovato conveniente finanziare il film di Sorrentino con 2,5 milioni di euro perché può godere di straordinari sconti fiscali che si traducono, ovviamente, in mancate entrate per le casse del Fisco italiano.

Quello che fa impressione, però, non è tanto il costo della legge, anche se 104 milioni non sono niente male, ma il fatto che l’eterogeneo mondo dello spettacolo abbia deciso di protestare contro i tagli ai sussidi alla cultura di cui hanno sempre beneficiato. Paolo Sorrentino, in particolare, mentre si faceva finanziare il film da Banca Intesa, partecipava allo sciopero generale nel novembre dell’anno scorso di alcuni registi e sceneggiatori italiani sostenuti anche da Cgil, Cisl e Uil. Lo sciopero puntava ad ottenere l’abolizione dei tagli al Fondo Unico per lo Spettacolo (Fus) i cui sprechi sono elencati uno per uno nel mio libro “Mani Bucate”, la prima inchiesta sull’orgia degli aiuti pubblici alle imprese private.

Annunci

Tag: , , , , ,

Una Risposta to ““MANI BUCATE” Sconti fiscali anche per “This must be the place” di Paolo Sorrentino”

  1. betterware produkty Says:

    I read this article fully about the resemblance of newest and earlier technologies, it’s
    amazing article.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: