“MANI BUCATE” Quella volta che i soldi pubblici hanno finanziato lo scooter a tre ruote della Piaggio

Secondo voi chi ha pagato la ricerca e lo sviluppo che ha portato alla produzione dello scooter a tre ruote della Piaggio? Esatto: i soldi pubblici. La storia di questo finanziamento all’azienda di Roberto Colaninno è curiosa. Molto curiosa. Ma prima di arrivarci una interessante divagazione: anche la Piaggio, al pari di tutte le maggiori imprese italiane, ha avuto il suo bel contratto di programma. Si tratta di una sorta di “patto” che l’azienda stringe con lo Stato in base al quale lei si impegna ad investire in cambio di concessioni varie da parte del pubblico tra cui, ovviamente, soldi. Molti di questi patti sono finiti nello zero assoluto, come racconto in “Mani bucate”, altri hanno realizzato le metà degli obiettivi, altri, invece, la minoranza della minoranza, hanno raggiunto gli obiettivi. Ma sono così pochi che non fanno statistica.

La Piaggio ha firmato il contratto di programma nel 1996: in base all’accordo le vengono assegnati 46 milioni di euro (attualizzati ad oggi) in cambio di un aumento dell’occupazione di 365 persone entro il 2000. L’11 maggio del 2001 il finanziamento viene revocato perché il programma non è mai iniziato per colpa, sostiene la Piaggio, del perdurante «andamento negativo del mercato». L’azienda non ha invece mai rinunciato ai soldi per i progetti di ricerca industriali, per i quali riceve diverse centinaia di milioni di euro. E tra questi soldi ci sono proprio i fondi che sono serviti allo scooter a tre ruote. Ma i soldi, inizialmente, non vanno alla Piaggio. L’Aprilia di Noale, in provincia di Venezia nel 2003 riceve, infatti, quasi 4 milioni di euro per finanziare il progetto di un «nuovo veicolo a tre ruote», che in effetti è stato realizzato ma viene commercializzato dal 2006 con il nome di Mp3 dalla Piaggio, che compra l’Aprilia esattamente lo stesso anno in cui questa ottiene i soldi per la ricerca. L’anno dopo, quando Piaggio e Aprilia sono ormai stabilmente nelle mani di Roberto Colaninno, la prima presenta un progetto per «veicoli innovativi a elevate caratteristiche sotto l’aspetto delle prestazioni, della sicurezza e della guidabilità». Che sia lo stesso progetto Mp3? Se così fosse gli italiani quello scooter l’avrebbero pagato molto abbondantemente visto che in questo caso si tratta di 2,6 milioni di contributo in conto interessi e 2,4 milioni di contributo alla spesa. Ma non finisce qui, perché nel 2008 arrivano altri 3,9 milioni di euro per la «realizzazione di un motociclo innovativo dalle elevate caratteristiche prestazionali e di sicurezza». Che sia sempre il famoso scooter a tre ruote, più sicuro perché è praticamente impossibile cadere? Non si sa.

All’inizio del 2007, poi, la Regione Toscana decide di stanziare un fondo da 1,5 milioni di euro di credito garantito per un «progetto pilota integrato» in base al quale tutte le aziende operanti nel settore delle due, tre e quattro ruote della regione Toscana possono accedere a un aiuto di 1,5 milioni di euro presentando dei progetti di aggregazione. La Piaggio è in Toscana e produce veicoli a due, tre e quattro ruote. Casualità.

Annunci

Tag: , , , , , ,

2 Risposte to ““MANI BUCATE” Quella volta che i soldi pubblici hanno finanziato lo scooter a tre ruote della Piaggio”

  1. alberto Says:

    secondo me hanno fatto bene. una grande invenzione.

  2. Cosa serve alla Piaggio? | Pontedera 5 Stelle Says:

    […] lo seguira’ a breve, Ci piacerebbe che anche lui prima di andarsene restituisse i soldi, per esempio quelli presi per l’ MP3. In quest’ottica pensare alla costruzione di un autodromo per una ditta che verosimilmente […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: