Piccola proposta per legare lo stipendio dei politici ai risultati

Il problema dei costi della Casta è stato posto su un piano poco concreto. Il vero problema non è che deputati e senatori italiani guadagnano molto, ma è che rendono poco. In altre parole il problema non è il costo ma la resa. La retribuzione di un lavoratore del settore privato dipende certamente dalle competenze, ma innanzitutto dipende dalla sua produttività. Così, il problema degli onorevoli non è la loro retribuzione, netta o lorda, ma il fatto che essa non è in alcun modo collegata alla loro produttività. Un parlamentare che non lavora o lavora male guadagnerebbe comunque troppo, qualunque fosse la sua retribuzione. Allora il punto non è diminuire la retribuzione dei parlamentari, ma collegarla ai risultati. Purtroppo anche in questo caso la questione della produttività è stata posta su un piano sbagliato. In genere si prende come parametro per stabilire la produttività parlamentare quello del numero delle leggi approvate. Ma così facendo si ottengono risultati paradossali: il Parlamento “migliore” sarebbe quello che approva più leggi. In un Paese afflitto da un accesso di regole, norme, leggi e circolari sarebbe devastante. Non è questo, insomma, il parametro giusto: il paramentro giusto è il Pil. Al crescere del Pil sale anche la retribuzione dei parlamentari. L’obiezione è che il Pil ha poca o nessuna relazione con i lavori del Prlamento e con le leggi che questo produce. Ammettiamo sia vero. Però gli assegni dei pensionati tedeschi sono indicizzati non all’inflazione, ma all’andamento del Pil e certamente un pensionato tedesco ha meno influenza sul Pil della Germania rispetto all’influenza che un parlamentare italiano ha nei confronti del Pil del proprio paese. Quindi: si può fare. La seconda obiezione è che collegare in modo diretto la retribuzione dei parlamentari alla crescita economica induce i politici a “drogare” l’economia con un aumento della spesa pubblica. Obiezione vera ma superabile con l’individuazione di un paniere di indici ai quali legare la retribuzione. In questo ipotetico paniere di indici un peso maggiore dovrebbe essere dato all’andamento di quella che è la vera emergenza nazionale: il debito pubblico. Nello stesso ipotetico paniere un peso leggermente inferiore potrebbe avere l’andamento dell’occupazione. A questo paniere dovrebbe essere legato l’andamento della parte variabile della retribuzione di un parlamentare esattamente come, per un dipendente del settore privato, la parte variabile dello stipendio è legato sia ai risultati del suo lavoro che all’andamento generale dell’azienda presso la quale è assunto. Legare la retribuzione dei parlamentari all’andamento dell’economia e dei conti pubblici italiani metterebbe finalmente un freno all’umiliante balletto sulla riduzione dei costi della politica. Che non fa bene né alla politica né alla democrazia.

 

Annunci

Tag: , , , , ,

2 Risposte to “Piccola proposta per legare lo stipendio dei politici ai risultati”

  1. Marco Infussi Giorgi Says:

    è paradossale come nessuno commenti i tuoi post!
    ma le persone si informano? leggono veramente?
    come si fa a non dire nulla in calce ad un ragionamento come questo?

    nulla di più condivisibile: bravo, bravo, bravo.
    detto da un giovane imprenditore che tra le riforme della scuola mentre era studente, le (mancate) riforme della ricerca quando era ricercatore e le controproducenti “innovazioni” nel mercato del lavoro – ricerca – sviluppo, sommate alla imperante crisi economica, del credito, dei valori, del peso dato ai giovani ed alle loro idee… ecco, un giovane imprenditore che non sa se vale la pena andare avanti.

    forse è l’incoscienza giovanile che ci fa ancora stringere tra i denti il coltello!

  2. http://tinyurl.com Says:

    “Piccola proposta per legare lo stipendio dei politici ai risultati | Mani bucate – Marco Cobianchi” really got me personally simply hooked on ur webpage!
    Iwill certainly be back again alot more often. Thank you -Ava

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: